CAMBOGIA-TIT

La Cambogia attuale è l’erede del potente impero khmer che durante il periodo angkoriano (dal IX al XIV secolo) fu il cuore culturale del Sud-est asiatico. Questo impero ha lasciato in eredità una delle meraviglie del mondo: i templi di Angkor Wat sono senza uguali e sono annoverati tra le principali meraviglie architettoniche del mondo.

camb1

La capitale, PHNOM PENH, è conosciuta come la perla del Sud-est asiatico ed si è sviluppata proprio dove il maestoso Mekong si incrocia con il Tonle Sap e il Bassac. Il suo antico nome “Krong Chaktomuk” significa “Città delle quattro facce”. E’ una città affascinante, mix tra modernità e tradizione, dove si possono gustare diversi aspetti e la storia della cultura khmer.

camb2

Le innumerevoli pagode (Wat) sparse per tutto il paese accolgono i fedeli durante le feste legate alle fasi lunari che offrono cibo ai monaci: il 90% dei cambogiani pratica il Buddhismo Theravada.

La lingua Khmer è stata influenzata sia dal sanscrito che dal pali a causa del buddhismo e dell’induismo e nella scrittura ha un suo alfabeto. Tra gli anziani è ancora parlato il francese mentre tra i giovani si è diffusa la conoscenza dell’inglese.

Tratto distintivo della cultura del paese sono le danze e la musica. Esse si rifanno alla tradizione millenaria e alla sinuosa ed affascinante gestualità delle “apsaras”: ninfe celestiali della mitologia hindu.

La cucina cambogiana è variegata e moderatamente speziata: zuppe, insalate a base di papaya, piatti di carne o di pesce e sempre accompagnati dal riso, che sta alla base dell’alimentazione.

camb3Forti di una tradizione artigianale non deve sorprendere il fatto che ancora oggi i Khmer realizzino manufatti e oggettisca minuta in argento di squisita bellezza. Molti disegni attuali attingono a quelli del periodo angkoriano e si traducono in forme artistiche eleganti e raffinate.

Nel 2004 nasce a Phnom Penh una scuola laboratorio per la creazione di bigiotteria d’argento a Phnom Penh rivolta a ragazzi e ragazze di strada. In un luogo adeguato e con le prime strutture interne per essere operativi e prima ancora di essere in possesso delle ufficiali autorizzazioni parte questa inedita avventura con i primi iscritti ansiosi e curiosi. In pochi mesi sono arrivati i primi risultati: collane, bracciali, anelli e pendenti vari cominciavano a prendere forma con un design che coniugava lo stile orientale con quello occidentale. La combinazione Oriente/Occidente avrebbe definito lo stile della nostra scuola valorizzando i patrimoni locali quali la seta, le pietre e i zirconi.

L’utilizzo della seta ci aveva introdotto in un mondo sconosciuto e ricco di innumerevoli micro-realtà motore ancor oggi dell’economia cambogiana: allevamenti di bachi da seta, la lavorazione del tessuto a telaio, la tinteggiatura con colori naturali e l’asciugatura che dava al paesaggio verde circostante un’aggiunta di colori luminosi e sgargianti inedita.

Anche le pietre erano nel bene e nel male un’altra risorsa da valorizzare. Le pietre semi-preziose e gli zirconi naturali utilizzati sono in uno standard qualitativo riconosciuto a livello internazionale.

…e ancora il legno, i filamenti della noce di cocco e … l’OTTONE DELLE MINE. E proprio con quest’ultimo materiale abbiamo intrapreso una Campagna contro le mine antiuomo tramite il seguente messaggio:

PER NON DIMENTICARE IL TERRIBILE PERIODO DELLA TURBOLENTA STORIA DELLA CAMBOGIA CAUSA DI MORTE DI MOLTI DEI SUOI CITTADINI, E’ STATA CREATA UNA COLLEZIONE DI GIOIELLI DAL NOME

“NEVER AGAIN”

camb4

Utilizzando il sito si accetta l’uso di cookies per analisi, risultati personalizzati e pubblicità. cookies policy.  [ Accetto ]