COREA DEL SUD

south-korea1

Dalla misteriosa e antica Corea potrete imparare l’arte dei nodi coreani, ritenuti così importanti da costituire un patrimonio culturale tutelato come bene intangibile. Un’attività artistica equilibrata ed armoniosa poiché questi intrecci sono simmetrici sia in verticale che in orizzontale. Trentatre tipologie di nodi portano i nomi di elementi come ‘libellula’,'farfalla’ e altri nomi che richiamano la natura.

corea7

Altra tecnica tipica è il Joo gack Boo, patchwork coreano grazie al quale vengono realizzati dei cavalli di pezza tipici dell’isola di Jeji, realizzati dalle donne del luogo che assemblano scampoli di stoffa ricavandone questi magnifici lavori.

corea2

 

Dalla città di Andong uno spettacolo di maschere tradizionali. Presente nell’elenco di beni culturali dell’UNESCO dal 2010, come testimonianza di un’antica cultura che sta scomparendo, la città è culla di una particolare forma di teatro, quella in maschera. Ogni dramma popolare ha il suo personaggio codificato dall’uso di queste maschere.

 corea4

La città di Incheon si trova ad ovest della capitale Seoul, questa è la realtà da cui proviene la compagnia che ci presenterà gli spettacoli che ci potranno far sentire l’anima, forse più profonda, della Corea. Il samulnori è un tipo di musica di origine popolare-rurale, veniva infatti eseguita soprattutto in occasione di feste, come per il raccolto, nelle risaie e in queste circostanze svolgeva anche ruolo di accompagnamento a esibizioni. Una di queste ultime, molto spettacolare è il pangut, dove gli esecutori, veri e propri atleti, in colorati abiti contadini tradizionali, portano un copricapo su cui è fissato un nastro che fanno roteare con leggeri movimenti della testa creando suggestive coreografie.

 corea6

Non solo arte ma anche gastronomia con i Deok, dolcetti morbidi e compatti dalla laboriosa preparazione. Nascono così, dopo un particolarissimo lavoro, delle vere e proprie opere d’arte con la possibilità di colorarle con apposite e naturalissime polveri ricavate da altri alimenti come la zucca o il fico d’India. Gustosissimi, specialmente se accompagnati con una tipica bevanda alcolica ricavata dalla fermentazione del riso.

corea5

Soye, così è chiamata l’arte dello scrivere: con i movimenti del pennello viene trasmessa una tensione che esprime il ritmo della vita in ogni puntino e in ogni tratto dello scritto. E ne scaturisce una bellezza sua propria, che nasce dall’armonia fra i caratteri e gli spazi vuoti, fra il nero e il bianco. Supporto di questa forma d’arte è la carta di riso, gli strumenti sono i pennelli, ma, elemento fondamentale è sicuramente l’inchiostro. E’ realizzato bruciando del legno di pino vecchio, il nerofumo ottenuto viene poi mischiato a colle e altri prodotti chimici, viene eseguita poi una frizione per rendere liquido ed omogeneo il composto, perché è proprio questo ultimo passaggio che determina la qualità della china.

corea8

Un invito ad immergersi nella parte orientale del mondo, con le sue tradizioni e riti, la cucina raffinata, i paesaggi di montagne e fiumi, risaie e giardini, uno sguardo al passato e città avveniristiche, in un’alternanza che affascina e incuriosisce il viaggiatore sin dai tempi antichi. Un’immersione nella terra di Seul attraverso l’abbigliamento, la musica, la danza, la cucina e molto altro.

Utilizzando il sito si accetta l’uso di cookies per analisi, risultati personalizzati e pubblicità. cookies policy.  [ Accetto ]